Immagine
 copertina... di Admin
 
"
Il resto vi verrà chiaro lungo il cammino – aggiunse in fretta il vecchio – Leon, ricordati che il Cuore ama, non condanna. Matt, la Mente sa fare giuste domande ma raramente trova buone risposte. Joshua, la Fantasia non deve mai dimenticare la realtà. E tu Sfaira, tu sarai l’unica in grado di comprendermi”.

Setalux
"
 
\\ Home Page : Storico : Setalux e i suoi protagonisti (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Simona (del 14/06/2010 @ 15:55:14, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 944 volte)

Avere a che fare con ragazzi svegli tieni in allenamento il pensiero e la capacità di riflettere.
Negli ultimi dieci giorni, due ragazzi – che hanno età diverse e che nemmeno si conoscono – mi hanno fatto delle domande sui personaggi di Setalux, il mio primo libro.
Due domande semplici, che mi hanno fatto ricordare come sono nati Joshua, Matt, Leon e Sfaira.
Un ragazzo mi diceva che non capiva perché avevo fatto parlare i personaggi subito all’inizio, perché avevo permesso loro di raccontare tanto di sé, prima ancora che la storia iniziasse.
La ragazza – una delle ragazze della redazione di Flying, del corso di giornalismo – mi ha chiesto come mai Sfaira era descritta come una magrolina, carina ma non bellissima.
I personaggi hanno una propria vita. Si presentano con una loro storia. Non sempre la capisci subito. A volte è necessario un po’ di dialogo attraverso le pagine per capire davvero chi hai tra le mani. E spesso i personaggi si vedono in un modo che non corrisponde proprio a come sono veramente.
Setalux comincia con un preludio a quattro voci perché ognuno dei quattro protagonisti è convinto di sapere tutto di sé. Ognuno di loro crede che nulla lo farà mai cambiare, perché il mondo intorno sarà sempre lo stesso e in quel mondo loro non riusciranno mai a sentirsi diversi da così. Alla ricerca della felicità sì, ma sempre un po’ fuori posto. Li ho lasciati fare, li ho lasciati raccontare, innanzitutto perché non puoi metterti tra il personaggio e la sua storia o finisci per trasformarlo in un burattino che fa solo quello che vuoi tu e questo non è proprio permesso. I personaggi devono andare per la loro strada, anche quando a te – autore - sembra la strada peggiore. Anche se ti dispiace tanto che a volte si comportino come degli imbecilli, non puoi farci niente. Non puoi mentire per loro. Né metterti al loro posto. Li devi lasciare andare.
Inoltre, quello che i personaggi di Setalux raccontano all’inizio fa capire meglio quanto cambieranno nelle duecento pagine successive.
Per rispondere alla domanda della mia giovane allieva di giornalismo, invece, come (le) ho già detto i personaggi bisogna buttarli giù così come si presentano, con bellezze e difetti. Se ti si presentano belli da mozzare il fiato, saranno belli da mozzare il fiato. Ma se ti si presentano carini, imperfetti, imprecisi, adorabilmente umani, affascinanti proprio nelle loro imperfezioni, così li devi accettare e riportare. E aggiungo una cosa. Sfaira si descrive in un modo che nelle pagine successive… Be’, qualcuno le dirà che lei non è esattamente così… Ma a quindici anni non viene spontaneo guardarsi allo specchio e trovarci qualcosa di bello.

 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:29:35, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1928 volte)
“Non posso dirvi altro.
Non è la mia battaglia, non più. Ma sarò sempre in ascolto”. E con la naturalezza con cui le foglie si staccano dagli alberi, il suo corpo divenne vento…

Per Sfaira la danza è più di una passione. È qualcosa che la mette in comunicazione con il mondo. Leon è nuovo in città, è un viaggiatore, un tipo tosto che sa adattarsi alle difficoltà. Joshua, invece, fa del fumetto la sua filosofia di vita. Si veste come un fumetto, trasforma le cose in un fumetto.
E poi c’è Matt con la sua aria misteriosa, la bellezza oscura e il sapere enciclopedico. Cosa mai avranno in comune quattro tipi così? Un arcano è al cuore della loro amicizia, un’antica leggenda che sembra perduta: il Setalux.
Dopo l’incontro con il vecchio Prometero, che li sprona a mettersi sulla via maestra dell’avventura, la vita dei quattro amici non sarà più la stessa. La loro missione è riportare in vita il Setalux; la loro missione è salvare le terre salate dal temibile Serparatur, l’Uomo-non-più-uomo, l’intenzione Pura che ha sedotto le menti degli Umbrusis, inquietante setta al suo soldo.
Tra avventure fantastiche e personaggi esilaranti, tra vecchie profezie e nuove minacce, i quattro ragazzi cresceranno diventando degli uomini consapevoli dei propri limiti e delle proprie abilità.
Una potente allegoria della società contemporanea in un viaggio fantastico e delicato come un soffio di vento d’estate.
 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:28:59, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1109 volte)
Prendete un libro per ciò che è, ovvero un dispensatore di emozioni. Ci si può perdere tra le sue pagine, fremere per i protagonisti di un romanzo, commuoversi per una storia. Ma si può anche andare oltre e godere del profumo inconfondibile della carta, accarezzare la liscia superficie delle pagine… Per alcuni invece la sensazione tattile è lo strumento della lettura, grazie al braille, l’alfabeto in rilievo studiato per i non vedenti.
La traduzione dei libri in braille offre anche l’opportunità a tutti di approcciarsi ai piaceri della lettura. L’importante però è che i libri vengano tradotti: tutto dipende dalla sensibilità degli autori e degli editori, perché l’opportunità di trascrivere nell’alfabeto in rilievo qualsiasi testo è garantita dalla stamperia Braille della Regione Toscana, l’unica pubblica in Italia.
Setalux, di Simona B. Lenic, è disponibile anche in braille.
“È un piacere poter scegliere quale libro leggere - afferma l’autrice - a seconda dei propri gusti, del momento o degli interessi personali. Ma di tutte le migliaia di libri che escono, solo una piccola parte viene tradotta in braille, il che significa togliere delle alternative di lettura ai lettori non vedenti. Ed è un vero peccato, un’occasione persa per comunicare”.
“Speriamo che altri autori ed editori – afferma Cecilia Trinci, della stamperia Braille di Firenze - rendano disponibili le loro opere per arricchire il catalogo della stamperia. La stamperia è regionale, ma le opere presenti nel catalogo sono a disposizione di tutti i non vedenti”.
Per informazioni e per avere a disposizione il catalogo, il numero telefonico della Stamperia Toscana è 055-4382800.
 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:26:43, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 2120 volte)
Sfaira Evorìa_Il mio nome significa Sfera Celeste. Ci tengo un sacco a dirlo perché per quanto uno si guardi intorno non c’è nulla di più grande e bello del Cielo. Certo, io non sono bellissima… ma carina decisamente sì! E di grande in me c’è giusto l’amore per la danza e per i miei amici, per il resto ho un fisico piuttosto secchino e una ancor più magra voglia di studiare. Insomma, sono una ragazza come tante: adoro piacere ma non a costo di star zitta, non vado d’accordo con i genitori, e – soprattutto - non sarò mai perfettina e alla moda come loro mi vorrebbero. Però, a differenza delle ragazze della mia età io non ho un’amica del cuore… È che a quindici anni sembra obbligatorio cercare un fidanzato! Quelle che conosco non fanno altro, e pensano che io sia strana perché per essere felice mi basta parlare con Joshua e Matt, danzare e magari farmi un bagno al mare. Pensano che io sia strana perché io credo sia possibile essere felici. Da queste parti non ci crede praticamente più nessuno. Qui sono tutti interessati ad avere qualcosa più degli altri, qualcosa che ti possano invidiare, non so, un bel vestito, un motorino nuovo, il ragazzo… Ma la felicità - dato che non ci credono - nessuno te la invidia. Forse è per questo che mi sembra di essere sempre un po’ fuori dal mondo. Come se il mondo fosse una foto di classe in cui io sono nascosta dal compagno spilungone: tutti sono convinti che io ci sia ma io non mi vedo.
 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:25:39, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1518 volte)
Joshua Grimm_Ammettiamolo, non è che guardandosi intorno ci sia granché da ridere. E non mi riferisco solo alla guerra. O meglio, non solo a quella che si combatte a colpi di iàstoriz. Il fumo invisibile che ti perfora la dignità, per lasciarti trapassare – o morire, come qualcuno insiste a dire - nel rimpianto e nel senso di colpa, è solo uno dei tanti modi in cui si uccide. Anche quei variopinti pacifisti - tutti scritte e urlettini - non so se non hanno mai fatto soffrire qualcuno. Non sono certo che non abbiano mai lacerato il cuore a una tipa, che non abbiano mai picchiato di parole il vicino o mentito per mettersi in una buona luce a scapito di qualcun altro.
Il fatto è che viviamo in un marasma di terrorismo mentale e sentimentale ma i più preferiscono guardare la televisione. Del resto si affogano di CremaBrilla, pur sapendo che è fatta con caccole di alligatore sotto spirito. È che preferiscono non pensarci.
Agghiacciante, direte voi! Sì, ma stimolante, vi dico io. Perché se la realtà non fosse così drammatica forse non avrei intrapreso con tanta determinazione la mia missione.
Una missione non da ridere… Ma da divertirsi sì! Il mio scopo nell’esistenza è rendere questo mondo un fumetto.
Cerco di disegnarlo come voglio. Quando però la situazione assume una forma che non avevo previsto - e che proprio non mi piace - faccio una smorfia, due versi idioti e passo alla vignetta successiva. Certo, non è che il problema si risolve, ma almeno mi sono fatto una sana risata. O qualcuno se l’è fatta grazie a me.
Il fumetto è un posto dove se ti cade un camion sulla testa non ti fa male, ti lascia la faccia un po’ sbilenca magari, ti compare un enorme SCRASH tutto intorno, ma nella vignetta dopo, se la matita vuole, sei già in piedi per una nuova avventura. E la mia matita vuole. È una di quelle buone. Una matita pazzesca, che mi permette di non rimanere intrappolato in un fumetto che non mi piace. E questo mondo - con tutte le sue insicurezze e quel viscerale desiderio di potere - è il peggior fumetto che l’essere umano abbia mai partorito.
 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:16:14, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1464 volte)
Leon Flumeni_Spostarmi continuamente mi ha insegnato che il bello del viaggio è riuscire a gioire di tutto ciò che accade, per quanto imprevedibile. Una volta io e i miei siamo arrivati a Città di Fiammelle in bermuda e canottiera convinti che facesse caldo, per scoprire poi che era tutta coperta di neve e il cielo era una lastra di ghiaccio. Non vi dico il freddo ma se invece di adattarci avessimo passato il tempo a lamentarci non avremmo mai scoperto l’acqua freddissima ricoperta di fiammelle di fuoco: una meraviglia!
Il fatto è che si è sempre così presi a considerare strano tutto quello che non ci aspettiamo, da non capire quanto sia interessante.
Odio chi non lo capisce. È una di quelle cose che mi fanno arrabbiare da matti.
Gec e Layla mi dicono sempre che sono troppo impulsivo, che non posso prendermela ogni volta che qualcuno ragiona come un pazzo in preda a convulsioni - a dir la verità, loro dicono semplicemente ogni volta che qualcuno la pensa diversamente da me - ma vedere un uomo adulto che si fa prendere dal panico perché il pranzo è pronto all’una invece che a mezzogiorno e mezzo o perché il vicino ha il balcone più grande del suo mi fa venire da piangere. Veramente mi fa venire da vomitare, ma Gec e Layla apprezzerebbero di più “piangere”. Sono dei genitori pazzeschi, dei maestri di vita. Mi fido ciecamente di loro ma non è sempre facile capirli e tanto meno seguirne l’esempio.
Mi mancheranno tantissimo. Ma avere una scuola e una classe uguale per tutto l’anno è un’esperienza che mi affascina.
L’imprevisto, ragazzi. Non sapere mai cosa ti aspetta ma sorridergli quando arriva!
 
Di Simona (del 24/06/2009 @ 19:13:31, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1481 volte)
Matt Encauston_Inchiostro al posto del sangue.
Una stravaganza del destino. Un’eccentrica svista da nulla.
Da ridere.
Ma quanto può far ridere possedere tutta la conoscenza che un libro può darti? Nozioni. Leggi. Tecniche. Filosofie.
Tutto.
È un meccanismo pericoloso. Questo inchiostro, che annaffia il corpo, fa crescere pensieri maledetti: pensieri di onnipotenza.
Ai tempi degli scribi, c’erano uomini che usavano lo studio, la ricerca, per trovare risposte a quesiti enormi, importantissimi. Divoravano libri per nutrire la loro anima inquieta, alla ricerca di uno spirito da servire. Ma quella ricerca ben presto si staccò dall’anima per finire nella vanità. La conoscenza che proveniva dai libri non serviva più per ricercare. Era diventata un forziere dalle pareti troppo robuste per far filtrare la luce e così piene di orgoglio da far spuntare l’invidia.
A pochi interessava conoscere. Perché ormai l’importante era sapere più dell’altro. Le dita si consumavano tra i libri insieme agli sguardi. La mente era ormai serva dell’ambizione, ricompensata a suon di vanagloria.
Il loro sangue non abitava più un corpo reale, non vibrava più di gioia, non si scaldava d’amore, né si addolciva di frutta. Il loro sangue si nutriva solo di manoscritti. Di scienza.
Divenne denso, scuro, come l’umore che ti prende in certe mattine, quando ti accorgi di essere rimasto solo.
Finché un giorno la carne di quegli uomini venne invasa brutalmente dalla loro stessa scienza. Tutti quegli scritti, quelle dottrine, si ribellarono come se non avessero aspettato altro sin dalla prima pagina e iniziarono a mordere ferocemente quei corpi sciocchi per quanto colti. Morsi così profondi e tremendi da dissanguare le creature. Urla strazianti accompagnarono la carneficina, fino a quando anche l’ultima goccia di sangue cadde fuori. E fu in quei corpi prosciugati che la scienza prese dimora, impregnandoli come inchiostro su un pennino secco.
Si racconta che quei corpi si ripresero, continuarono a vivere, ma cosa avvenne dentro di loro non è dato saperlo. Non lo raccontarono. Mai.
Forse qualcuno cercò di redimersi, di farsi perdonare diventando un ponte tra scienza e uomo comune. Ma i più cercarono di trasformare quella sapienza oscura in potere personale per incantare gli altri, per rendere schiavo chi non capiva, servendosi di parole che invece di chiarire nascondevano.
Se dentro di loro ci fosse ancora un’anima o anche solo un desiderio, se fossero ancora capaci di sentimenti o anche solo di ricordi, sono leggende. Opinioni. E ognuno crede a quella che preferisce. A quella che gli è più comoda.
Ma è certo che non tutte quelle creature morirono senza procreare.
Una stirpe nacque da quei corpi d’inchiostro. Una stirpe, come una maledizione senza fine. Per chi ne fa parte. Come me.
 
Pagine: 1

Ci sono 26 persone collegate

Bookmark and Share


< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Breve bio (1)
Diario (18)
Flying on line (13)
I miei articoli su Fixing (109)
Laboratori e Incontri (34)
Letture e spettacoli (20)
Progetti per le scuole (3)
Setalux e i suoi protagonisti (7)
un po' di rassegna stampa... (8)

Catalogati per mese:
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017

Gli interventi più letti

Ultimi commenti:
Meraviglia Simo!Graz...
30/06/2017 @ 17:38:53
Di Loretta
Mi piace molto il tu...
09/02/2017 @ 07:05:18
Di Omar Vulpinari
Un piacevole impegna...
10/11/2016 @ 08:13:50
Di Moorow

Simona B. Lenic
Simona B. Lenic
Crea il tuo badge

diventa fan di Simona Lenic

Titolo
copertina (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!





23/08/2017 @ 13:44:14
script eseguito in 62 ms