Immagine
 copertina... di Admin
 
"
Il resto vi verrà chiaro lungo il cammino – aggiunse in fretta il vecchio – Leon, ricordati che il Cuore ama, non condanna. Matt, la Mente sa fare giuste domande ma raramente trova buone risposte. Joshua, la Fantasia non deve mai dimenticare la realtà. E tu Sfaira, tu sarai l’unica in grado di comprendermi”.

Setalux
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Simona (del 10/08/2011 @ 15:49:56, in I miei articoli su Fixing, letto 1354 volte)

Se il mare fosse un romanzo avrebbe il fascino perpetuo dei grandi classici. Avrebbe quel qualcosa di mai fino in fondo scoperto, quel qualcosa che hanno le parole del Sommo Poeta. Se dovesse essere contenuto in una pagina, il mare starebbe tutto nello spazio che divide Dante e Ulisse, nel ventiseiesimo canto dell’Inferno. La grandezza del mare, il suo richiamo ancestrale è contenuto tutto lì, nel viaggio che Ulisse racconta, nel suo bisogno di scoprire, di tentare, di solcare il mare per un altro viaggio ancora. Nemmeno l’amore per il figlio, nemmeno la fedeltà della sua donna possono fermare il cammino verso la conoscenza, verso le colonne d’Ercole, verso la fine del mondo, per scoprire cosa c’è dopo e affrontarlo senza paura.
Questo burattino della luna, questo burattinaio di marinai, questo mare che rende possibile il viaggio, questo mare che non sta mai fermo e impedisce all’uomo di fermarsi, questo mare è un desiderio troppo grande per non essere realizzato. È “un modo di scrollare la tristezza” come confessa Ismaele in Moby Dick, il “surrogato della pistola e della pallottola”. Si è disposti a tutto pur di solcare quell’oceano, dove abita “il fantasma inafferrabile della vita”. E Ismaele è disposto a salire su una baleniera, seguire il capitano Achab e con lui dare la vita inseguendo la balena bianca, perché quando affronti un viaggio così, la libertà è l’unico porto che vuoi davvero raggiungere.
Se il mare avesse uno sguardo, sarebbero gli occhi del Corsaro Nero a lanciarlo dalle onde. L’eroe di Salgari, dilaniato nel profondo tra vendetta e amore, ha nel petto un mare in perenne tempesta, a tratti feroce, e d’improvviso quieto, avventuroso come una battaglia, malinconico come il ricordo di qualcuno che non c’è più.
Sa ispirare grandi amori il mare e definitivi addii. Sa essere il gioco dell’estate, la solitudine dell’inverno, la confusione estenuante e la voglia di star soli. Sa essere uno specchio il mare, capace di riflettere lo stato d’animo di chi lo osserva. Ostacolo e spinta di storie e genti.

Da Fixing n. 30

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Simona (del 30/07/2011 @ 11:21:31, in Flying on line, letto 1446 volte)

 

Potrei stare ore a parlare di quanto sia bello leggere e perché, ma in fondo sono assolutamente di parte, perché per quanto mi piace leggere tanto mi piace scrivere. E allora non fidatevi di me. Fidatevi della redazione di Flying, sfogliate l’ultimo numero e scoprite cosa c’è di bello ad aprire un libro e viaggiarci dentro. Scoprite perché, come dice Greta Gasperoni, “c’è sempre un buon motivo per leggere e mai una buona scusa per non farlo”. E se pensate che leggere manga non sia leggere, perché i manga sono una moda di oggi, che come è nata sparirà, rimarrete scioccati leggendo che il manga più antico venne realizzato nel Settecento, come scrive Giacomo Pesaresi.
Ma la redazione di Flying non è così intellettuale da non parlare anche di sport, videogiochi e cucina. E a proposito di cucina è interessante leggere le impressioni della nostra giovane aspirante cuoca Giada Gessaroli riguardo a tutte queste trasmissioni dedicate a ricette, invenzioni culinarie e menu da chef. E dato che ogni bravo cuoco sa che il punto di partenza di un buon piatto sta nella materia prima, non sarebbe male coltivare un proprio orto. Se non avete la terra non preoccupatevi, Gabriel Giannini vi spiega come si può far crescere verdura in un appartamento…
Per sfogliare Flying basta cliccare sull'immagine

La redazione di Flying augura a tutti buone vacanze. Si riparte a settembre con nuovi articoli e nuove avventure. Se qualcuno vuole sapere come si può entrare a far della redazione di Flying può scrivermi, il requisito fondamentale è però di essere ancora alle medie o al liceo. Se qualcuno vuole invece essere sempre aggiornato su quello che succede nel mondo di Flying, su Fb c’è questo gruppo a cui ci si può iscrivere semplicemente cliccando Mi piace.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Simona (del 12/07/2011 @ 16:26:32, in Laboratori e Incontri, letto 1261 volte)

Prendi una sera, il momento preciso in cui sole e luna convivono in cielo. Prendi una Rocca, un panorama che ogni volta che lo vedi non ti ricordavi così bello. E prendi un momento dedicato alla narrativa fantasy, con un giornalista d’eccezione come Emanuele Manco di FantasyMagazine a intervistarmi e diverse persone ad ascoltare. Io ho preso tutto questo, sabato sera, a Montefiore. E come ogni volta che si prende qualcosa, dire grazie è il minimo. Grazie ad Emanuele, che è davvero un piacere ascoltare perché sa così tanto di fantasy da far rimanere a bocca aperta. Grazie a Martine Scalini, responsabile dell’evento. Grazie a Giovanni Martelli, consigliere con delega alla cultura – nonché poeta e scrittore dialettale - che ci ha accolti e accompagnati con una gentilezza rara. Grazie a chi c’era, a chi avrebbe voluto esserci, e a chi ha scattato queste foto qui.

La foto qui sopra è di Loris Pironi. E per me è bellissima

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Simona (del 08/07/2011 @ 16:48:19, in Laboratori e Incontri, letto 2226 volte)

Domani sera, sabato 9 luglio, sarò a Montefiore Conca per partecipare all’incontro “Autori e lettori a confronto sulla letteratura fantasy”. Così, alle 20.45 io e il giornalista Emanuele Manco, curatore di FantasyMagazine – un vero e proprio vademecum per gli amanti del genere - chiacchiereremo un po’ di libri, narrativa fantastica, fantasy e fantasia, in un’atmosfera assolutamente informale. Se siete appassionati di fantasy vi consiglio di venire perché Emanuele è semplicemente un esperto! Ora, io vi posso raccontare cosa può succedere dietro le quinte delle stesura di un romanzo, posso raccontarvi come mi è nata l’idea di creare un mondo dominato dai Mortivì (modo carino per definire morti viventi) e dove un ragazzo bello da svenire ha inchiostro al posto del sangue… Ma Emanuele Manco può soddisfare tutte quelle piccole e grandi domande che un lettore di fantasy inevitabilmente si pone. E vi confesso che io ne ho giusto un paio pronte!
Prima del nostro incontro, alle 19 circa, andrà in scena lo spettacolo “Benvenuti a Camelot” e dopo il nostro incontro ci sarà una replica. L’iniziativa rientra nella rassegna “Fantastici Castelli. Appuntamenti tra storie, leggende e magie”. Noi siamo lì, se volete raggiungeteci e venite a farci un saluto, vi aspettiamo!
L’ingresso è assolutamente gratuito.


Per arrivare a Montefiore si fa così… Prendi l’A14 in direzione Bologna se parti da sud di Cattolica o in direzione Ancona se parti da nord di Cattolica.
Esci a Cattolica - San Giovanni in Marignano - Gabicce Mare.
Alla rotatoria prendi la terza uscita in direzione Morciano – San Giovanni in Marignano. Prosegui in direzione Montefiore Conca. Montefiore dista circa 25 minuti dall’uscita dell’A14.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa