\\ Home Page : Articolo : Stampa
Le prof, i ragazzi e un mondo di velieri
Di Simona (del 27/02/2010 @ 18:43:22, in Laboratori e Incontri, letto 1133 volte)

Incontrare i ragazzi per parlare del mio lavoro è un piacere. Sentire i loro commenti e le loro curiosità è uno spasso. Lo avrò già detto mille volte, lo so. Ma non posso fare a meno di ripeterlo dopo l’incontro che ho avuto con due classi delle medie, nella luminosa biblioteca di Cesenatico. In realtà questa volta i ragazzi sono stati piuttosto silenziosi. MI ha colpito la loro timidezza. E il loro rispetto. Partecipi e zitti allo stesso tempo. Fantastici. Fantastici anche quelli che non sembravano particolarmente interessati all’incontro ma che non hanno fatto niente per distrarre i compagni, li hanno lasciati ascoltare senza disturbarli. Conosco miriadi di adulti che non sarebbero stati in grado di fare altrettanto.
E poi le prof. Le prof quando amano il loro lavoro sono uno spettacolo. Riescono in cose incredibili. Perché accompagnare gli adolescenti nel loro crescere quotidiano, rispettando le loro capacità, l'impegno e i limiti, è tra i più fondamentali dei compiti. Come si fa a non fare la ola per una professoressa che confida che ci sono dei giorni in cui non vede l’ora di tornare a casa per poter leggere i temi dei suoi alunni? La trovo una dichiarazione d’amore in piena regola. Amore per il proprio lavoro e per i ragazzi, che hanno un bisogno totale di essere ascoltati. Amore per le parole, che aiutano a raccontare qualcosa di noi, idee o dubbi, paure e soddisfazioni. Perché niente di quello che abbiamo dentro è buffo o maldestro. E perché non bisogna mai vergognarsi di fare domande. Che si vergognino quelli che non chiedono mai, perché credono di sapere già tutto!
E allora grazie per la giornata di ieri. Grazie alle bibliotecarie. Ai ragazzi. Alle prof. E grazie a Elisa Mazzoli, che ha organizzato tutto. E che subito dopo mi ha svelato il mondo avventuroso del Museo della Marineria di Cesenatico. Rifugio di alti velieri feriti ma ancora vivi. Di bauli antichi e foto di spose. Di àncore, fari e occhi segreti. Rifugio di storie passate. E di storie ancora da raccontare.

 

Chi volesse ricevere news e aggiornamenti su incontri, articoli e laboratori può inviare una mail a simonalenic@libero.it e sarà inserito nella mailing list