Immagine
 copertina... di Admin
 
"
Il resto vi verrà chiaro lungo il cammino – aggiunse in fretta il vecchio – Leon, ricordati che il Cuore ama, non condanna. Matt, la Mente sa fare giuste domande ma raramente trova buone risposte. Joshua, la Fantasia non deve mai dimenticare la realtà. E tu Sfaira, tu sarai l’unica in grado di comprendermi”.

Setalux
"
 
\\ Home Page : Articolo
EBook e libri che bruciano
Di Simona (del 05/10/2010 @ 16:38:07, in I miei articoli su Fixing, letto 1318 volte)

Non sono ancora entrata nella mentalità dell’eBook. Il libro elettronico da leggere sull’eReader (che può essere il telefonino, il computer e i suoi derivati più snelli) non mi dà soddisfazione. Mi piace avere carta tra le mani, sottolineare con la matita, fare delle belle orecchie alle pagine se c’è un punto che vorrei ritrovare per sempre. Mi piace leggere senza essere obbligata a guardare uno schermo. Mi piace scegliere un romanzo vagando da scaffale a scaffale in libreria.
E se sono in fila alle Poste, se sto aspettando qualcuno, o se sono in giro e vedo una panchina o un bel muretto dove sedermi a gambe incrociate, mi piace tirar fuori il mio vetusto libro e leggere, e magari schiacciarci nel mezzo un fiore, lo scontrino delle Poste, il tovagliolino del bar dove ho preso il caffé con un amico.
Ma non siamo tutti uguali. Ed è questo il bello. Sempre. Conosco persone che nell’eBook vedono il futuro della scrittura e dell’editoria (soprattutto per i piccoli editori è una possibilità in più per diffondere le proprie opere, contenendo i costi). Conosco anche persone che hanno tentato questo nuovo modo di leggere ma ne sono rimasti delusi. Soprattutto quelli che hanno comprato un eBook, poi lo hanno stampato e rilegato, spendendo – a livello monetario e ambientale – quasi quanto comprare un libro tradizionale.
Ma come fa un lettore cosiddetto forte a trovare spazio per tutti i libri se non convertendosi all’eBook, che avrà pure i suoi limiti ma è indubbiamente a ingombro zero?
Innanzitutto ci sono le biblioteche, mai abbastanza frequentate.
In secondo luogo, non è necessario tenere con sé tutti i libri che si leggono.
Personalmente tra i miei scaffali ci sono solo quelli che per me hanno un valore e che – negli anni – avrò il piacere di riprendere in mano, fosse anche solo per una frase.
Per tutti quei libri che invece non mi lasciano granché ho delle alternative di vita.
Seguendo il presupposto che il libro che non piace a uno può diventare il preferito di un altro, valuto se tra i miei amici c’è qualcuno che può apprezzare quello che non ho apprezzato io.
Libri da intellettuali per cui io sono troppo frivola, libri rosa per cui non sono abbastanza romantica, libri di fantascienza per cui non sono abbastanza sveglia diventano così regali per amici più intellettuali, romantici o svegli di me. Un regalo dichiaratamente“riciclato” ma sentito, che crea anche un’occasione di confronto, che non fa mai male.
Ci sono poi libri che non abbiamo amato – o che non amiamo più - ma che se hanno un loro perché possono essere donati a biblioteche, scuole o associazioni.
Non è da scartare nemmeno la soluzione del book crossing. Si lascia un libro su una panchina e qualcuno lo prenderà. Ci sono centri commerciali che hanno uno spazio apposito dedicato a questa pratica: uno scaffale in cui appoggiare il libro, come a casa, solo che lo scaffale è di tutti.
Se il libro che ho letto, invece, è proprio brutto - così brutto che mi dispiace che qualcuno lo legga per mano mia - lo tengo da parte e aspetto l’inverno per seguire l’esempio di Pepe Carvalho - investigatore protagonista di tante geniali storie di Vazquez Montàlban - che brucia i libri nel camino, pagina per pagina, con mal celata soddisfazione.

Da Fixing n. 37


Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
# 1
Ciao ... bei pensieri ... io per i libri brutti non ho un camino, ma una cantina ... mi permetto comunque di consigliarti questo ritrovato della tecnologia ... ancora non è molto diffuso, ma secondo me prenderà piede.
http://www.youtube.com/watch?v=ool3vdgLYdI

Poi, l'idea del book-crossing ce l'hanno avuta anche all'Iper Malatesta, bravi!

E infine ... Percy Jackson e il Ladro di Fulmini ... è una storia simpatica, potevano scriverla meglio, ci sono tanti particolari che potevano essere approfonditi e resi più avvincenti ... ma questa è un'altra storia. Ciao.
Di  Moorow  (inviato il 05/10/2010 @ 17:12:42)
# 2

i libri che non piacciono a te piaccio ad altri.......tutto è bello tutto è brutto.
Io sono vecchia, a me piacciono i libri" veri"
Di  montanari virginia  (inviato il 05/10/2010 @ 20:48:10)
# 3
@Moorow. Fantastico video! L'ho caricato anche su Fb!
Fammi sapere cosa ne pensa tuo nipote di Percy!
@Virginia.Il fascino della carta stampata è intramontabile ; - )
Di  Simona  (inviato il 07/10/2010 @ 09:28:35)
# 4
Beata te che riesci a separarti dai tuoi libri!
Per me è quasi impossibile, anche se il libro non mi è piaciuto voglio che rimanga con me perchè in qualche modo mi ha accompagnato per un periodo, anche se breve, delle mia vita.
Per qualche sera (a volte troppe) è stato lui nel posto d'onore sul comodino.
Sono una romantica in fondo.
Finirò come mio nonno che alla bellezza di 83 anni dovunque vada (eh si che lui è andato in giro!) si porta i suoi libri prendendosi le male parole di tutti noi più giovani che dobbiamo aiutarlo a trasportarli.
Beh, amen, non sarebbe male essere come mio nonno.
Un bacio
N.
Di  Naty  (inviato il 13/10/2010 @ 12:02:50)
# 5
@Naty. Mi presti tuo nonno per un romanzo? Semplicemente fantastico!
Di  Simona  (inviato il 13/10/2010 @ 15:58:19)
# 6
Si si, ti presto tutta la mia famiglia se vuoi. Lo sai che, ognuno a modo suo, è un personaggio!
Di  Naty  (inviato il 15/10/2010 @ 09:19:16)
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Inserire il codice AntiSpam This Is CAPTCHA Image


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Ci sono 18 persone collegate

Bookmark and Share


< settembre 2016 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Breve bio (1)
Diario (18)
Flying on line (13)
I miei articoli su Fixing (96)
Laboratori e Incontri (34)
Letture e spettacoli (19)
Progetti per le scuole (3)
Setalux e i suoi protagonisti (7)
Taccuino ripieno (1)
un po' di rassegna stampa... (8)

Catalogati per mese:
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016

Gli interventi più letti

Ultimi commenti:
Hey, that post leave...
04/09/2016 @ 09:26:28
Di qzMGjj6g7
I will be putting th...
04/09/2016 @ 09:26:23
Di TLblOhFNYqo
Thanks for inurtdoci...
04/09/2016 @ 09:24:59
Di qK3GqRVy

Simona B. Lenic
Simona B. Lenic
Crea il tuo badge

diventa fan di Simona Lenic

Titolo
copertina (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!





30/09/2016 @ 12:02:57
script eseguito in 47 ms