Immagine
 copertina... di Admin
 
"
Il resto vi verrà chiaro lungo il cammino – aggiunse in fretta il vecchio – Leon, ricordati che il Cuore ama, non condanna. Matt, la Mente sa fare giuste domande ma raramente trova buone risposte. Joshua, la Fantasia non deve mai dimenticare la realtà. E tu Sfaira, tu sarai l’unica in grado di comprendermi”.

Setalux
"
 
\\ Home Page : Articolo
Discorso intorno ai protagonisti di un libro
Di Simona (del 14/06/2010 @ 15:55:14, in Setalux e i suoi protagonisti, letto 1050 volte)

Avere a che fare con ragazzi svegli tieni in allenamento il pensiero e la capacità di riflettere.
Negli ultimi dieci giorni, due ragazzi – che hanno età diverse e che nemmeno si conoscono – mi hanno fatto delle domande sui personaggi di Setalux, il mio primo libro.
Due domande semplici, che mi hanno fatto ricordare come sono nati Joshua, Matt, Leon e Sfaira.
Un ragazzo mi diceva che non capiva perché avevo fatto parlare i personaggi subito all’inizio, perché avevo permesso loro di raccontare tanto di sé, prima ancora che la storia iniziasse.
La ragazza – una delle ragazze della redazione di Flying, del corso di giornalismo – mi ha chiesto come mai Sfaira era descritta come una magrolina, carina ma non bellissima.
I personaggi hanno una propria vita. Si presentano con una loro storia. Non sempre la capisci subito. A volte è necessario un po’ di dialogo attraverso le pagine per capire davvero chi hai tra le mani. E spesso i personaggi si vedono in un modo che non corrisponde proprio a come sono veramente.
Setalux comincia con un preludio a quattro voci perché ognuno dei quattro protagonisti è convinto di sapere tutto di sé. Ognuno di loro crede che nulla lo farà mai cambiare, perché il mondo intorno sarà sempre lo stesso e in quel mondo loro non riusciranno mai a sentirsi diversi da così. Alla ricerca della felicità sì, ma sempre un po’ fuori posto. Li ho lasciati fare, li ho lasciati raccontare, innanzitutto perché non puoi metterti tra il personaggio e la sua storia o finisci per trasformarlo in un burattino che fa solo quello che vuoi tu e questo non è proprio permesso. I personaggi devono andare per la loro strada, anche quando a te – autore - sembra la strada peggiore. Anche se ti dispiace tanto che a volte si comportino come degli imbecilli, non puoi farci niente. Non puoi mentire per loro. Né metterti al loro posto. Li devi lasciare andare.
Inoltre, quello che i personaggi di Setalux raccontano all’inizio fa capire meglio quanto cambieranno nelle duecento pagine successive.
Per rispondere alla domanda della mia giovane allieva di giornalismo, invece, come (le) ho già detto i personaggi bisogna buttarli giù così come si presentano, con bellezze e difetti. Se ti si presentano belli da mozzare il fiato, saranno belli da mozzare il fiato. Ma se ti si presentano carini, imperfetti, imprecisi, adorabilmente umani, affascinanti proprio nelle loro imperfezioni, così li devi accettare e riportare. E aggiungo una cosa. Sfaira si descrive in un modo che nelle pagine successive… Be’, qualcuno le dirà che lei non è esattamente così… Ma a quindici anni non viene spontaneo guardarsi allo specchio e trovarci qualcosa di bello.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Inserire il codice AntiSpam This Is CAPTCHA Image


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Ci sono 47 persone collegate

Bookmark and Share


< marzo 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Breve bio (1)
Diario (18)
Flying on line (13)
I miei articoli su Fixing (120)
Laboratori e Incontri (34)
Letture e spettacoli (20)
Progetti per le scuole (3)
Setalux e i suoi protagonisti (7)
un po' di rassegna stampa... (8)

Catalogati per mese:
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019

Gli interventi più letti

Ultimi commenti:
In quale libro o art...
16/03/2019 @ 10:39:25
Di Pietro Sarzana
Bellissimo!!!!!!
23/11/2018 @ 04:19:40
Di MARIA CRISTINA STEFANELLI
Quasi poetico! La se...
14/11/2018 @ 18:22:12
Di Anonimo

Simona B. Lenic
Simona B. Lenic
Crea il tuo badge

diventa fan di Simona Lenic

Titolo
copertina (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!





22/03/2019 @ 14:55:37
script eseguito in 48 ms